Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART.13, D.LGS. 196/2003
CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DI DATI PERSONALI


PREMESSE

In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
Si tratta di un’informativa che è resa (sul modello di quella adottata dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali) anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

http://www.parkinson.it

corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125.
Il "Responsabile" del Trattamento è la Signora Ileana Sconfietti, c/o Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, via Zuretti n.35, 20125 – Milano.
L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 29, Codice in materia di protezione dei dati personali, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo i dati personali sensibili (art. 4, comma 1, lett. d, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ) e giudiziari (art. 4, comma 1, lett. e, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ).
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno, a tali fini, un rapporto di collaborazione con il Titolare.
Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

COOKIES

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto all’art. 11 del Codice in materia di protezione dei dati personali e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal relativo disciplinare tecnico (Allegato B).
L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 Codice in materia di protezione dei dati personali ).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

Italian English French German Spanish

A che punto è la terapia a base di cellule staminali della Fondazione Grigioni?

pezzoli2Intervista al Prof. Pezzoli, Presidente della Fondazione Grigioni e di AIP

 

JH: Professore, tutti i pazienti coltivano il sogno di guarire dal Parkinson e tanti ripongono le loro speranze nella terapia a base di cellule staminali che sta mettendo a punto la Fondazione. A che punto siamo?

GP: Innanzitutto mettiamo in chiaro un punto fondamentale: le cellule staminali non rappresentano una terapia curativa, sono una terapia correttiva. Studi sui tessuti nervosi di pazienti parkinsoniani che avevano ricevuto trapianti di tessuto fetale 11-16 anni prima hanno documentato non solo che le cellule avevano attecchito e che fornivano una densa innervazione dopaminergica, ma anche che alcune presentavano le tipiche alterazioni dei neuroni malati di Parkinson ovvero i corpi di Lewy, che sono accumuli costituiti soprattutto dalla proteina alfa-sinucleina. In base alle nostre conoscenze attuali, una terapia curativa dovrà necessariamente promuovere la degradazione e lo smaltimento di questa proteina. Noi siamo attivamente impegnati a trovare le cause della malattia, la cui scoperta ci permetterebbe di mettere a punto una terapia curativa, su altri fronti (studio sul microbioma, studio sui gemelli).

Per quanto riguarda lo studio della Fondazione con le cellule staminali, stiamo per completare la estensione dello studio pilota. A breve verrà trattato l’ottavo ed ultimo paziente.

JH: Mi ricordo. Dopo molte difficoltà l’Istituto Superiore di Sanità aveva autorizzato uno studio pilota su 5 pazienti e poi una estensione su altri 3 pazienti. A questo punto avete raccolto informazioni sufficienti per proseguire?

GP: Abbiamo raccolto molte informazioni ed abbiamo imparato moltissimo, per esempio su come preparare e somministrare le cellule staminali.

Il nostro progetto per lo sviluppo di una terapia a base di cellule staminali prevede la raccolta di cellule mesenchimali autologhe (prelevate dal midollo osseo del paziente stesso) per trattare una grave forma di parkinsonismo, la Paralisi Supranucleare Progressiva (PSP).

Nei primi 5 pazienti è stata osservata la formazione di microemboli, che in un caso hanno determinato la comparsa di una sintomatologia neurologica transitoria, che si è risolta. Abbiamo appurato che il rischio era dovuto al fatto che le cellule mesenchimali sono relativamente grosse ed appiccicose e tendono ad aggregarsi. Abbiamo pertanto apportato delle modifiche alla preparazione delle cellule ed alla loro somministrazione e gli altri pazienti trattati non hanno più presentato questo problema. Inoltre, abbiamo documentato che la maggior parte delle cellule arriva al bersaglio comunque, per cui non dobbiamo necessariamente infonderle nelle arterie a breve distanza.

JH: Vi sono molti tipi di cellule staminali. Perché avete scelto proprio quelle mesenchimali se sono così grosse e appiccicose?

GP: Abbiamo scelto le cellule staminali mesenchimali del midollo osseo dopo avere interpellato la Dr.ssa Eva Mezey, medico ricercatore presso l’Istituto Nazionale Americano per le Malattie del Sistema Nervoso e l’Ictus (NINDS). Ci ha riferito di una ricerca in cui hanno riscontrato evidenze inequivocabile che cellule del midollo osseo erano migrate nel cervello ed erano diventate sia cellule gliali (cellule che supportano le cellule responsabili per le funzioni nervose – i neuroni) che neuroni veri e propri. Inoltre, vi sono chiare evidenze che queste cellule sono in grado di rilasciare fattori di crescita che possono aiutare altre cellule in difficoltà. Altri motivi per questa scelta erano che non poneva problemi etici o di approvvigionamento delle cellule, dato che si trattava di cellule del paziente stesso, e quindi poteva diventare una terapia per tutti.

JH: I motivi per ricorrere a cellule staminali del midollo osseo del paziente stesso sono chiari, ma non ho presente le evidenze a supporto del fatto che le cellule staminali mesenchimali possono trasformarsi in cellule nervose

GP: si tratta di reperti autoptici in 4 pazienti di sesso femminile decedute per leucemia alcuni mesi dopo trapianto di midollo osseo da donatore di sesso maschile. Il cromosoma Y, presente solo nei maschi, è stato riscontrati in cellule nervose del cervello.

JH:   Un reperto veramente inequivocabile. Ma torniamo allo studio. Che cos’altro avete imparato?

GP: Il reclutamento dei pazienti è stata una lezione da non dimenticare. Più della metà dei pazienti eleggibili in base alle loro caratteristiche cliniche presentavano cellule staminali mesenchimali poco vitali, anch’esse affette dalla malattia degenerativa di base, la PSP, che è una taupatia. In altre parole, le cellule staminali raccolte non crescevano come previsto e non hanno fornito un quantitativo sufficiente per la terapia.

Abbiamo notizia di un altro studio simile che sta per partire in Texas in pazienti con malattia di Parkinson. Per ovviare al problema loro hanno intenzione di somministrare cellule staminali mesenchimali raccolte dal midollo osseo di donatori. Un primo problema sta nel trovare il donatore, il secondo problema è se le cellule attecchiranno ed il terzo nella necessità di una terapia immunosoppressiva cronica, dato che si tratta delle cellule di un’altra persona.

JH: Ed adesso veniamo alla domanda cruciale che tutti i pazienti desiderano farle: la terapia è efficace?

GP: Faccio presente che lo studio pilota era uno studio in aperto il cui scopo principale era di valutare la sicurezza della terapia. Noi abbiamo valutato anche la efficacia, ma è noto che l’effetto placebo, ovvero gli effetti positivi dovuti al convincimento di assumere una terapia efficace, possono influenzare notevolmente la funzione motoria nei pazienti parkinsoniani. Pertanto, non è possibile alcuna affermazione certa. Detto questo, nei pazienti trattati è stata osservata una stabilizzazione della malattia per un anno, un risultato favorevole in un tipo di parkinsonismo che si sviluppa rapidamente e che normalmente peggiora sensibilmente in 6 mesi.

JH: Ed allora? Quali sono i piani futuri?

GP: originariamente avevamo intenzione di chiedere l’autorizzazione per la conduzione di uno studio più ampio di fase III. Tuttavia, il problema delle cellule staminali mesenchimali del midollo osseo difettose rende lo studio non fattibile.

JH: Allora questo approccio terapeutico alla malattia finisce qui?

GP: non ho detto questo. Certo, è una via difficile e questo vale anche per altre malattie neurodegenerative. Per esempio, vi è un esperto italiano nel campo delle cellule staminali che sta dedicando molti sforzi alla messa a punto di una terapia a base di cellule staminali per la SLA, il Dr. Vescovi. Mi risulta che il primo studio pilota sia stato pubblicato cinque anni fa, nel 2012. Alla fine dell’anno scorso, ovvero 4 anni più tardi, un gruppo di esperti a livello internazionale ha pubblicato un documento che riassumeva i risultati di un dibattito internazionale sui problemi connessi alla impostazione di ulteriori studi più ampi, che ancora non erano stati avviati. Si tratta di una terapia molto complessa, i problemi da superare sono molti.

Tuttavia, sono convinto che la terapia a base di cellule staminali sia una via da continuare a perseguire e che in futuro sarà coronato dal successo. Per il momento ci impegniamo a completare la estensione dello studio pilota, a pubblicare i risultati ed a discutere i risultati con la comunità scientifica internazionale.